SEO BIRDLIFE

Il recupero di zone improducttive degli uliveti contribuisce ad incrementare la loro biodiversità.

Il ripristino delle aree improduttive mediante l’utilizzo di specie vegetali autoctone contribuisce a migliorare la complessità del paesaggio, favorisce il recupero dei servizi ecosistemici e concorre a ridurre i costi di produzione.

Olivares Vivos, sviluppato da SEO/BirdLife, si è affermato come pioniere di un modello agricolo che integra in modo armonioso il ripristino della biodiversità con l’aumento dei margini di profitto per gli olivicoltori, due elementi fondamentali per garantire il futuro dell’agricoltura. Questi aspetti cruciali vengono messi in evidenza in occasione della Giornata Mondiale dell’Olivo, celebrata il 26 novembre.

Il piano agroambientale al centro di Olivares Vivos, che include una gestione oculata e sostenibile della copertura erbacea, l’installazione di elementi di supporto alla fauna e il ripristino delle aree improduttive, ha dimostrato il potenziale del settore agricolo nel fronteggiare le crisi del clima e della biodiversità. È degno di nota che tali impatti positivi siano ottenuti senza interventi estesi. In particolare, concentrandosi sul recupero delle aree improduttive, gli interventi che coprono meno dell’1% dell’area agricola totale si sono dimostrati sufficienti per migliorare in modo significativo la diversità e l’abbondanza di flora e fauna.

“Il ripristino della vegetazione naturale nelle aree improduttive dell’oliveto, come i bordi delle strade, i campi di stoppie, i burroni o i confini, è fondamentale per il recupero della biodiversità. Queste aree svolgono il ruolo di zone di compensazione ecologica, mantenendo livelli ottimali di abbondanza e diversità di flora e fauna all’interno dell’oliveto. Inoltre, ospitano popolazioni di insetti benefici che controllano naturalmente i parassiti e contribuiscono a prevenire la perdita di fertilità del suolo. Pertanto, la considerazione di queste aree di compensazione è fondamentale nella pianificazione di nuove piantagioni di olivi. È essenziale riconoscere che un prodotto agroalimentare associato alla perdita di biodiversità non può essere considerato sostenibile”, afferma José Eugenio Gutiérrez, direttore di LIFE Olivares Vivos+ e delegato SEO/BirdLife in Andalusia.

I vantaggi di un’agricoltura rispettosa della natura

Un’agricoltura di successo poggia sul benessere degli agrosistemi e sulla biodiversità. Il modello Olivares Vivos rafforza questa connessione per coltivare oli extravergini di oliva (EVOO) di alta qualità in oliveti di eccellenza. Questo metodo coltivativo non solo migliora la qualità del prodotto, ma impatta positivamente anche sulla situazione finanziaria degli agricoltori, grazie a tre fattori chiave.

In primo luogo, l’integrazione del marchio Olivares Vivos nel mercato agroalimentare internazionale e l’accento sulla biodiversità come valore di mercato svolgono un ruolo fondamentale. La certificazione Olivares Vivos si distingue come l’unico riconoscimento europeo che garantisce un ripristino tangibile e comprovato della biodiversità alla fonte degli EVOO. Attualmente, 36 marchi di EVOO portano con orgoglio questo sigillo, contraddistinto da una solida base scientifica.

Inoltre, il modello Olivares Vivos, con il suo impegno per il recupero della biodiversità e dei servizi ecosistemici, si traduce in una significativa riduzione della necessità di input agricoli. Gli studi indicano un risparmio potenziale fino al 22%, con notevoli vantaggi economici per gli agricoltori. Inoltre, dare priorità alle pratiche rispettose della natura si allinea con gli obiettivi in evoluzione delle politiche agricole europee, in particolare con la nuova Politica Agricola Comune (PAC) focalizzata sugli obiettivi ambientali e di biodiversità.

Gli sviluppi recenti, come l’accordo sulla Legge sul ripristino della natura, sottolineano ulteriormente l’importanza di invertire la perdita di biodiversità in Europa. I Paesi sono ora obbligati a implementare misure che migliorino gli ecosistemi agricoli. Il modello Olivares Vivos non solo apre la strada a questa trasformazione negli oliveti, ma crea anche un precedente per altre colture, contribuendo al rafforzamento dell’agricoltura europea e combattendo contemporaneamente la perdita di biodiversità.

LIFE Olivares Vivos+

Dal 2015, con il sostegno finanziario di due progetti LIFE, Olivares Vivos ha sviluppato ed implementato questo innovativo modello di olivicoltura, nato dal consenso tra agricoltori, scienziati ed ambientalisti. Attualmente, tramite il progetto LIFE Olivares Vivos+ (2021-2026), si stanno compiendo sforzi per accelerare la diffusione del modello nelle principali regioni olivicole europee, espanderlo ad altri prodotti (come le olive da tavola) e adattarlo ad altre colture. Quest’ultimo obiettivo è attualmente realizzato attraverso il progetto Secanos Vivos. In parallelo, si sta lavorando per adattare il modello al settore cooperativo olivicolo tramite il Gruppo Operativo Cooperalive e si sta investigando l’effetto delle coperture erbacee sugli oliveti con il Gruppo Operativo Coverolive.

LIFE Olivares Vivos+ è sviluppato da SEO/BirdLife in qualità di coordinatore principale, con il coinvolgimento del Consiglio Provinciale di Jaén, dell’Università di Jaén, della Stazione Sperimentale delle Zone Aride del Consiglio Nazionale delle Ricerche spagnolo (EEZA-CSIC), dell’Università di Évora, della cooperativa agricola e forestale DREAm-Italia, dell’Organizzazione Agricola Helena e di Juan Vilar Consultores Estratégicos. Il progetto è finanziato dal programma LIFE della Commissione Europea e beneficia anche di cofinanziamento dalla Diputación de Jaén e dalla Consejería de Agricultura, Ganadería, Pesca y Desarrollo Sostenible della Junta de Andalucía. Supporto finanziario aggiuntivo è fornito dall’Interprofesional del Aceite de Oliva Español, dalla Junta de Comunidades de Castilla-La Mancha e dalla Caja Rural de Jaén.

Menú

CONÓCENOS

La Sociedad Española de Ornitología es la entidad conservacionista decana de España. Desde 1954, sigue teniendo como misión conservar la biodiversidad, con la participación e implicación de la sociedad, siempre con las aves como bandera.

SEO/BirdLife es la representante en España de BirdLife International, una federación que agrupa a las asociaciones dedicadas a la conservación de las aves y sus hábitats en todo el mundo, con representación en más de 100 países y más de 13 millones de socios.

Es el socio coordinador del LIFE Olivares Vivos+.